Archivi categoria: Rete idrica

Pozzi Geremeas: dopo anni di segnalazioni la falda non necessita più di alcuna tutela

Apprendiamo dall’albo pretorio del Comune di Maracalagonis l’emissione dell’Ordinanza Sindacale n. 13 del 10.06.2016, con la quale si ordina al Condominio di Torre delle Stelle la rimozione del limitatore di prelevamento installato nei pozzi di Geremeas.
Limitatore di portata imposto dal Genio Civile per i problemi di natura ambientale che un sovrasfruttamento della falda potrebbe creare. (Nota Genio Civile del 01.09.2014)

Ora le priorità sono cambiate.
Prevale, giustamente, l’esigenza di assicurare l’erogazione del servizio idrico per tutti gli abitanti di Torre delle Stelle.
Un’esigenza che è sempre esistita, ma che soccombeva dinnanzi al primario obiettivo di ostacolare qualsiasi attività svolta dal Condominio.
Le segnalazioni al Genio Civile, da parte degli avversari del Condominio, abbondavano.
Questa una fra le tante: Risposta Genio Civile, del 2013, alla richiesta di informazioni sui prelievi effettuati dal Condominio nel pozzo di Geremeas, inviata dall’Associazione; lo scopo era ovviamente quello di verificare prelievi anomali.
Si evince dalla risposta che il condominio ha regolarmente inviato i prelievi annui e pagato i canoni per la concessione.
Continua la lettura di Pozzi Geremeas: dopo anni di segnalazioni la falda non necessita più di alcuna tutela

Rete idrica Torre delle Stelle e trattative

Leggiamo nel sito del Condominio, pagato con i nostri soldi (noi, condomini paganti, possiamo dirlo), l’ennesima lettera degli amministratori “I Borghi” che intimano ai Comuni la presa in carico della nostra rete idrica.
Ci chiediamo: chi ha autorizzato gli amministratori a detta azione?
Chi li ha autorizzati a rappresentare tutti i condomini negli incontri avuti con Egas, Abbanoa e Comuni?

Non ci risulta esista un mandato conferitogli dall’assemblea dei condomini, visto che non vi è stata nessuna assemblea e che, in violazione della legge e del nostro regolamento, non è stata neppure convocata.
A quanto pare, nonostante le sollecitazioni per la convocazione dell’assemblea ricevute da più parti, le priorità della Società I Borghi sono altre. Non è il rispetto della legge, che impone loro di convocare l’assemblea entro sei mesi dalla chiusura dell’esercizio finanziario (art. 1130 n. 10 c.c.), e neppure il rispetto del nostro regolamento, che stabilisce lo svolgimento dell’assemblea entro il mese di gennaio (art. 7).
La loro priorità è la cessione della nostra rete idrica, senza mandato dei condomini.

Vero è che esistono le sentenze del Tar e del Consiglio di Stato, ma esiste anche l’impugnazione presentata in Cassazione. Pertanto sarebbe necessario aspettare detta pronuncia. (Chi pagherà i danni di detta cessione, se la cassazione dovesse ritenere illegittimi i trasferimenti senza titolo al Comune di Maracalagonis?)

Vorremmo consigliare ai Sigg. amministratori di leggersi tutti i verbali delle assemblee degli anni passati (cosa che avrebbero dovuto fare per diligenza e per acquisire le necessarie informazioni, scevre da condizionamenti).
Nei tanti verbali è trascritta la storia del Condominio di Torre delle Stelle, sono trascritte le opinioni e le dichiarazioni che rappresentano la volontà dei condomini verso la non cessione della rete idrica. “Scripta manent”: la maggioranza dei condomini si è sempre espressa contro la cessione gratuita della nostra rete idrica ai Comuni (anche se pare che a Torre molti, compresi i rappresentanti del Comitato Direttivo, abbiano la memoria corta).
La maggioranza dei condomini non si è accollata le spese legali di tanti anni per un mero fine, ma per difendere quanto è stato costruito con i denari delle quote condominiali e in tempi nei quali la convenzione di lottizzazione (del 1970) era ampiamente scaduta; il che significa che determinate opere non rientrano nella convenzione e non sono di proprietà Comunale.

Continua la lettura di Rete idrica Torre delle Stelle e trattative

Sentenze e ordinanze differenti per la rete idrica di Torre delle Stelle

Il ginepraio in cui si trova la situazione della rete idrica di Torre delle Stelle è difficile da comprendere anche per chi si documenta e legge, sia le sentenze dei Tribunali che le Ordinanze Sindacali. Osiamo dire che è proprio la lettura di sentenze e ordinanze ad essere motivo d’incomprensione, perché esprimono concetti diametralmente opposti.

Questa nostra affermazione è scaturita dalla lettura di due sentenze del Tribunale di Cagliari, di cui abbiamo avuto copia, pronunciate per l’allaccio idrico eseguito dal Comune di Maracalagonis per il chiosco del parco.

Riepiloghiamo in breve i fatti descritti nelle ordinanze del Tribunale di Cagliari:

  • Nei giorni 9 e 10 giugno 2014 gli operai del Comune di Maracalagonis realizzano l’allaccio idrico per il chiosco.
  • L’1 luglio 2014 viene depositato il ricorso del Condominio di Torre delle Stelle, poiché in base al regolamento condominiale non può essere fornita acqua a utenti non facenti parte del Condominio.

Si evince, dalla prima Ordinanza del Tribunale di Cagliari, che il Comune di Maracalagonis ha portato a sua difesa la proprietà della rete idrica di Torre delle Stelle, avuta nel trasferimento dalla società lottizzante (Immobiliare Torre delle Stelle) all’ente Comunale, e la sentenza del Tar che gli ordina di prendere in carico la gestione e la manutenzione della rete idrica.
Per questi motivi il Comune di Maracalagonis sostiene gli sia consentito autorizzare gli allacci idrici a chiunque ne faccia richiesta.

Il Tribunale di Cagliari ha ritenuto che, in detto caso, non ha rilevanza la proprietà della rete idrica, ma la proprietà dell’acqua che scorre nelle tubazioni.
Ha ritenuto, a nostro parere giustamente, che principalmente è necessario identificare il soggetto che sostiene i costi della manutenzione e della distribuzione della risorsa idrica.

Continua la lettura di Sentenze e ordinanze differenti per la rete idrica di Torre delle Stelle