Abbanoa Consiglio di Stato

Rete idrica Torre delle Stelle: il Consiglio di Stato chiede al TAR la decisione nel merito

Sul contenzioso per la gestione della rete idrica di Torre delle Stelle, che vede coinvolti la Società Abbanoa s.p.a, il Comune di Maracalagonis e, purtroppo, gli assenti Condominio Torre delle Stelle e l’Ente di Governo dell’Ambito, si è espresso il Consiglio di Stato depositando, il 16 settembre 2015, l’Ordinanza con la quale respinge l’Appello cautelare ex art. 62 c.p.a. proposto da Abbanoa, per la riforma dell’ordinanza del Tar Sardegna.

E’ il caso di chiarire la cronologia degli eventi:

  • Il 30 Aprile 2015 il Comune di Maracalagonis emette l’Ordinanza n.5 con la quale vorrebbe trasferire la rete idrica di Torre delle Stelle ad Abbanoa
  • Il 4 Luglio 2015 Abbanoa deposita il Ricorso al Tar per chiedere la sospensione dell’Ordinanza Sindacale
  • Il 28 Luglio 2015 il Tar con l’Ordinanza n.00179 respinge l’istanza cautelare contenuta nel ricorso (non sospende l’Ordinanza Sindacale)
  • L’11 Agosto 2015 Abbanoa propone Appello cautelare ex art. 62 c.p.a. al Consiglio di Stato per la riforma dell’ordinanza del Tar Sardegna
  • Il 16 Settembre 2015 il Consiglio di Stato respinge la domanda cautelare ed emette l’Ordinanza n.04199 con la quale chiede al Tar che si esprima nel merito.

Tutto ciò a significare che la decisione del Consiglio di Stato non è una pronuncia definitiva sul futuro della rete idrica di Torre delle Stelle.

A riprova di quanto suddetto il comunicato stampa che Abbanoa ha pubblicato nel proprio sito il 17/09/2015:
Torre delle Stelle: il Consiglio di Stato chiede tempi rapidi al Tar

Abbanoa Consiglio di Stato
Comunicato stampa Abbanoa del 17.09.2015

Si può constatare, dal comunicato stampa, che Abbanoa riporta la decisione del Consiglio di Stato

Abbanoa Consiglio di Stato
Decisione del Consiglio di Stato – 16.09.2015

e che ribadisce le problematiche insite nel passaggio della rete idrica di Torre delle Stelle:

  • Passaggio di gestione che, infatti, non può essere fatto sulla carta dall’oggi al domani con un atto unilaterale dell’Ente locale. E’ solo l’Ente di Governo d’Ambito, al quale sono attribuite le competenze prima spettanti ai comuni in materia di risorse idriche, che può e deve autorizzare Abbanoa, ma soltanto dopo aver ottenuto lo stato di consistenza delle reti che ne attesti il loro collaudo (mappe e documentazione tecnica su pozzi, condotte e serbatoi che risultano addirittura in terreni privati)
  • C’è poi un nodo fondamentale che l’Ente di Governo d’Ambito dovrà risolvere, con l’ausilio delle parti interessate: è legittimo che gli utenti del Servizio idrico integrato si facciano carico di un’intera località, con 10mila abitanti equivalenti nel periodo estivo, però del tutto sprovvista di rete fognaria? Con quali modalità? Quali implicazioni conseguenti per l’intero sistema? Questi i quesiti a cui l’Ente di Governo d’Ambito dovrà dare una risposta. Nonostante l’obbligo imposto a insediamenti con più di 2mila abitanti di dotarsi di reti fognarie, Torre delle Stelle è totalmente sprovvista di un sistema di raccolta dei reflui. E’ compito dell’Ente di Governo d’Ambito, come stabilito dalla legge, dare un parere di idoneità: presupposto imprescindibile perché Abbanoa possa prendere in carico le reti di Torre delle Stelle.

Problematiche che noi condividiamo e che abbiamo sottolineato spesso nei nostri post:

  • È compito di Abbanoa acquisire i terreni privati sui quali sono costruiti i serbatoi e le stazioni di pompaggio?
  • È compito di Abbanoa la realizzazione del sistema fognario che aspettiamo da decenni?

A nostro parere no. Dovrebbe essere il Comune di Maracalagonis a realizzare la rete fognaria (sempre promessa e mai realizzata) ed anche ad acquisire, pagando, i terreni privati che da oltre quarant’anni sono in possesso del Condominio Torre delle Stelle.

A tal proposito riportiamo parte di una lettera inviata al Sindaco Fadda e alla Società Abbanoa nel Maggio del 2014, a firma del Comitato Direttivo di Torre delle Stelle, e visibile per intero nel sito ufficiale del Condominio: Abbanoa a Torre delle Stelle.

“Gent.mo Sig. Sindaco
del Comune di Maracalagonis
e p. c. Soc. ABBANOA

Giorni fa ha effettuato un sopralluogo a Torre delle Stelle con esponenti della Soc. Abbanoa, riteniamo per valutare l’eventualità di una cessione della struttura acquedotto direttamente a detta Società.

Non era presente alcun rappresentante del Condominio che avrebbe potuto illustrare la situazione attuale e i problemi sia tecnici che giuridici che verrebbero inevitabilmente a crearsi in tale ipotesi.

Come Lei ben sa la gran parte della rete dell’acquedotto è stata realizzata dal Condominio Torre delle Stelle e solo una porzione era stata costruita da l’Immobiliare T.d.S. e ricade nella Convenzione del 1970/1977 stipulata tra la stessa Immobiliare e il Comune di Maracalagonis. Il completamento delle rete di distribuzione ed il rifacimento di quasi tutta la porzione originaria, i quattro serbatoi, la centrale di pompaggio, l’impianto di potabilizzazione, il pozzo nell’alveo del rio Geremeas, la linea di adduzione dal pozzo al serbatoio del cantiere condominiale, la linea di adduzione dalla rete Abbanoa (sulla strada provinciale) a detto serbatoio, e altro ancora, sono stati tutti realizzati dal Condominio e quindi a spese dei Condomini. Tutti i costi di gestione (concessione regionale del pozzo, manutenzioni, acquisto acqua da Abbanoa, ecc.) sono da sempre a carico del Condominio. Non va inoltre dimenticato che parte della rete ricade in Comune di Sinnai…..”

Dopo la rilettura di questa lettera, vien da chiedersi chi attualmente difende quanto il Condominio ha costruito in quarant’anni e che fine ha fatto il Comitato Direttivo.
Quel Comitato Direttivo che dovrebbe collaborare con gli attuali amministratori a tutela di tutti i condomini e non solo di chi vuol regalare la nostra rete idrica al Comune di Maracalagonis.

Abbanoa, nel suo comunicato stampa, ha dichiarato che è in atto una collaborazione per la risoluzione dei problemi prima che il Tar si pronunci nel merito. Collaborazione che vede coinvolti anche i nuovi amministratori del Condominio di Torre delle Stelle.

Riportiamo quanto dichiara Abbanoa:

  • Egas Abbanoa Comune e la nuova amministrazione del condominio stanno già collaborando per trovare una soluzione condivisa alla vertenza in modo da far cessare la materia del contendere prima della decisione del Tar sul merito del giudizio: infatti sono stati eseguiti diversi sopralluoghi e incontri dei tecnici, mentre nei pozzi sono stati montati dei misurati di portata per verificare quale sia il loro apporto rispetto all’acqua che Abbanoa garantisce già tramite un allaccio all’acquedotto sud-orientale (Quartu-Villasimius).

Rileviamo che è una collaborazione di cui i condomini non sono stati informati e che non vi è stata neppure alcuna comunicazione sui lavori che Abbanoa afferma di aver eseguito.
Chi ha autorizzato Abbanoa ad eseguire dei lavori all’interno del cantiere condominiale?
Abbanoa esegue dei lavori in un terreno privato (dell’Immobiliare Torre delle Stelle e in possesso del Condominio da sempre) e su degli impianti di proprietà di tutti i condomini senza alcuna delibera dell’Assemblea dei condomini?

Sono lavori autorizzati dal Comune di Maracalagonis?
Riteniamo che un Comune non possa autorizzare lavori su terreni privati e su impianti non di sua proprietà.

Oppure sono lavori autorizzati dai nuovi amministratori?
L’ennesima “delibera” senza nessuna autorizzazione dei condomini?
Sono tutti interrogativi ai quali la “Società I Borghi” dovrà rispondere.
Forse i nuovi amministratori non sanno che tutto ciò che è stato costruito a Torre delle Stelle è stato finanziato con i soldi di tutti i condomini e dimenticano che la priorità di “un Amministratore di Condominio” è la tutela dei beni condominiali !