Archivi tag: amministratore giudiziario

Sentenza della Cassazione: la mistificazione dei fatti continua

La Sentenza della Cassazione è nuovamente argomento di informazioni volutamente fuorvianti.

Il primo marzo L’Unione Sarda ha pubblicato un altro articolo su Torre delle Stelle e sui risvolti della recente Sentenza emessa dalla Corte di Cassazione.

Nell’articolo è stato riportato il parere dell’avvocato Pubusa, difensore del Condominio in tutti i gradi del giudizio.
Il Prof. Pubusa ha affermato che nella Sentenza vi è stato l’evidente errore d’aver considerato il Condominio l’originario ricorrente al Tar e che, per tale motivo, si potrebbe proporre un ricorso per revocazione. Sottolinea che non è stato il Condominio di Torre delle Stelle a promuovere il ricorso al Tar Sardegna e a citare in giudizio il Comune di Maracalagonis, ma l’Associazione Torre delle Stelle con un gruppo di proprietari.

Sentenza della Cassazione: la mistificazione dei fatti continua
Parere Prof. Pubusa pubblicato su L’Unione Sarda il 1 marzo 2017

Le dichiarazioni del Prof. Pubusa non sono state gradite dall’Associazione Torre delle Stelle, che ha prontamente replicato nel suo blog.
Ma, ovviamente, per smentire il parere di un Professore Ordinario di Diritto Amministrativo, della Facoltà di Giurisprudenza di Cagliari, non si poteva far altro che proseguire nell’opera di falsificazione dei fatti e dei documenti.

E’ stato infatti pubblicato il frontespizio del ricorso che il Condominio ha promosso al Tar, nel 2011, contro il Comune di Maracalagonis, con evidenziate le parti in cui il Condominio è definito “attore”.
Questo documento smentirebbe, a loro dire, le affermazioni del Prof. Pubusa e confermerebbe la giusta decisione della Corte di Cassazione. E’ una falsa informazione e i fatti lo dimostrano.

Innanzitutto, è necessario riportare la sentenza che le Sezioni Unite hanno erroneamente applicato  al Condominio.
La Sentenza è la n. 21260 del 2016 e afferma :
“che l’attore che abbia incardinato la causa dinanzi ad un giudice e sia rimasto soccombente nel merito non è legittimato a interporre appello contro la sentenza per denunciare il difetto di giurisdizione del giudice da lui prescelto.”

Per maggiori chiarimenti potete visitare il Sito Giustizia Amministrativa o leggervi queste due sentenze simili, nelle quali vi è stata una corretta applicazione di detto principio: Sentenza Cassazione N. 1309/2017 e Sentenza Cassazione N. 4878/2017.

Si evince dalle varie sentenze che chi inizia una causa e di conseguenza sceglie il giudice a cui chiedere tutela, non può successivamente (col senno del poi) contestare il giudice che si è scelto liberamente.
Un principio sicuramente corretto, ma che non poteva essere applicato al Condominio di Torre delle Stelle.

E’ stato forse il Condominio di Torre delle Stelle a promuovere la causa per far accertare l’obbligo del Comune di Maracalagonis alla presa in carico delle opere di urbanizzazione? Ovviamente NO!

L’origine della causa è nel ricorso n. 961 del 2009 al Tar Sardegna, promosso da 15 proprietari contro il Comune di Maracalagonis. Ricorso che non ha incontrato opposizioni, visto che neppure il Comune di Maracalagonis si è costituito, e per il quale è stata emessa l’Ordinanza n.402 del 2009 che ha dichiarato l’obbligo del Comune ad acquisire le opere di urbanizzazione previste nella convenzione e trasferite in proprietà al Comune nel 1977 (perciò solo quelle e non tutte, è bene sempre precisarlo).
Sotto il frontespizio dal quale si evincono le parti in giudizio nel ricorso che ha avviato la causa.

Sentenza della Cassazione: la mistificazione dei fatti continua
I promotori del ricorso al Tar contro il Comune di Maracalagonis – Ordinanza n.402-2009

Dunque, incredibilmente, il Condominio non ha partecipato al processo del 2009, ma l’Associazione sostiene che, con un ricorso promosso due anni dopo, il Condominio è stato “attore” e ha scelto la giurisdizione a cui rivolgersi. E’ una mistificazione!

La verità è palese e differente. Il ricorso al Tar Sardegna del 2011 è stato promosso dal Condominio per impugnare le delibere di acquisizione delle opere di urbanizzazione, emesse nel 2010 dal Comune di Maracalagonis, ed era un procedimento separato con un proprio numero di ricorso (n. 66/2011).
Sono stati successivamente i giudici a decidere la riunione dei due procedimenti. Continua la lettura di Sentenza della Cassazione: la mistificazione dei fatti continua

Le strategie di chi a Torre delle Stelle non vuole pagare le quote condominiali

All’interno della compagine condominiale del Condominio di Torre delle Stelle vi sono proprietari che hanno sempre pagato ed altri che non pagano da anni (i più recidivi dagli anni ’90).
Tra chi non paga vi è chi ha cercato, per anni, di ottenere una pronuncia giudiziaria che rendesse lecito il mancato pagamento degli oneri condominiali e l’ha fatto perseguendo varie strategie:
– dalla delegittimazione del Condominio per mancanza di beni comuni (affermando che tutto a Torre delle Stelle era proprietà Comunale)
– al rendere nulli gli articoli del regolamento di condominio che permettono ai rappresentanti di zona di votare in assemblea.

L’assenza di beni comuni doveva, a loro dire, far dichiarare la mancata costituzione del Condominio Torre delle Stelle e quindi rendere illegittime le quote condominiali pretese dal Condominio, mentre con la nullità del voto dei rappresentanti di zona si otteneva la possibilità di impugnare tutte le delibere di spesa assunte in assemblea con il voto determinante di chi votava per gli assenti. Sono infatti le delibere di spesa approvate in assemblea il titolo necessario per poter pretendere il pagamento dei costi sostenuti dal Condominio (sono il titolo indispensabile per i decreti ingiuntivi).

A Torre delle Stelle vi è chi ha sempre onorato i suoi debiti e anticipato anche per chi non paga, e chi ha il solo fine di ottenere una pronuncia giudiziaria che dichiari illegittime le quote condominiali versate in passato (delle quali si vorrebbe la restituzione) e non dovute le quote mai versate che il Condominio ha come credito.
Continua la lettura di Le strategie di chi a Torre delle Stelle non vuole pagare le quote condominiali

Assemblea condominiale e scioglimento del Condominio Torre delle Stelle: gli amministratori non tutelano i diritti dei condomini.

Più di un mese fa avevamo scritto che le azioni messe in atto dalla Società I Borghi erano in totale contrasto con il mandato conferitogli dal Tribunale di Cagliari e perfettamente in linea, invece, con i desideri e le richieste di chi ha promosso la loro nomina. (Questo il link dell’articolo Rete idrica Torre delle Stelle e trattative).

Oggi possiamo dire di aver avuto ragione e la conferma è nell’ordine del giorno stilato dagli amministratori, la Società I Borghi, per l’assemblea condominiale che si svolgerà questo pomeriggio. Un ordine del giorno che rispecchia, in modo inequivocabile, quelle che sono state le richieste inoltrate ai Borghi dall’Associazione Torre delle Stelle; richieste per gli obiettivi che l’associazione persegue da anni e che sono noti a tutti i proprietari di Torre delle Stelle.

Assemblea condominiale e scioglimento
Richieste conclusive Associazione inviate ai Borghi

Ciò che lascia perplessi è che degli amministratori, nominati dal Tribunale per tutelare gli interessi di tutti i condomini (soprattutto di quelli paganti e che si considerano condomini), mettano in atto le richieste di chi dichiara apertamente di pagare esclusivamente l’acqua, e non al Condominio ma direttamente ad Abbanoa (pertanto non paga l’onorario degli amministratori), e di chi sostiene di non avere alcun bene comune (pertanto non è condomino).

Nell’ordine del giorno, al punto primo, vi sono elencate le varie pronunce giudiziali di questi anni e le delibere/ordinanze del Comune di Maracalagonis. (Notare come il Comune di Sinnai pare non esistere).
Viene detto che si prende atto delle pronunce giudiziarie, del TAR (402/2009 – 602/2013) e del Consiglio di Stato (5487/2014), che obbligano il Comune di Maracalagonis a prendere in carico le opere di urbanizzazione previste nella convenzione di lottizzazione stipulata con l’Immobiliare Torre delle Stelle.

Ma quali sono le opere e le aree che il Comune di Maracalagonis può dichiarare essere di sua proprietà?

Continua la lettura di Assemblea condominiale e scioglimento del Condominio Torre delle Stelle: gli amministratori non tutelano i diritti dei condomini.