lettera aperta e le considerazioni sui tributi

Una lettera aperta e le considerazioni sui tributi delle seconde case a Torre delle Stelle

Approfittiamo della lettera scritta dal Sig. Gesualdo Gorini e pubblicata la settimana scorsa sull’Unione Sarda per esprimere delle considerazioni in proposito. Ovviamente, per chi non ha avuto modo di leggerla, la pubblichiamo:

lettera aperta e le considerazioni sui tributi
Lettera-aperta-pubblicata-sull’Unione-Sarda-del-2-ottobre-2015

Sig. Gorini noi condividiamo il suo pensiero, un GRAZIE dal Comune di Maracalagonis sarebbe più che dovuto e non solo per la pista ciclabile in progetto, ma perché è innegabile che quanto riesce a realizzare nel suo centro urbano lo deve in gran parte ai soldi di chi ha casa a Torre delle Stelle, ma non è residente. Sono i non residenti quelli con cui il Comune di Maracalagonis fa il gran bottino (Aliquote IMU Comune di Maracalagonis).

Alle seconde case di Torre delle Stelle il Comune di Maracalagonis applica, dall’anno 2012, l’aliquota del 10×1000 per l’IMU e lo 0.6×1000 di TASI, dall’ottobre 2014, perché oltre non poteva (per fortuna gli è stato impedito dalla legge).
Neanche avessimo un villaggio di lusso! Le condizioni della nostra località dicono tutt’altro e il biglietto da visita all’ingresso, per dare il benvenuto ai turisti, ne è solo un piccolo esempio (non ci pare che la foto sottostante rappresenti un villaggio di lusso):

lettera aperta e le considerazioni sui tributi
Rifiuti ingresso Torre delle Stelle – 31.07.2015

Neppure il Comune di Arzachena per la Costa Smeralda applica un’aliquota così alta. Fino all’anno scorso era il 7.6×1000 e quest’anno, per i tagli fatti ai Comuni, è stata aumentata al 9×1000.
Il Comune di Maracalagonis incassa da Torre delle Stelle un milione e trecento mila euro e cosa ci dà in cambio? In concreto nulla (come dice il Sig. Gorini: gli spiccioli).


E’ sufficiente dare uno sguardo alle delibere del Comune per rendersi conto che per Torre delle Stelle si raschia il fondo per darci il “contentino” e regolarmente in ritardo, come se la nostra località non esistesse e non fosse possibile programmare i lavori.
Facciamo qualche esempio:
– La spiaggia di Cann’è Sisa è lì da sempre ma, da quando esegue la pulizia il Comune, è necessario che ci si lamenti perché sia fatto l’appalto e quindi la pulizia; stendiamo poi un velo pietoso su come viene pulita, quest’estate solo due volte e in notturna (la notte si vede meglio?). I cestini la mattina erano sempre stracolmi e il retro spiaggia abbandonato a se stesso e agli incivili che lo hanno usato come discarica.

lettera aperta e le considerazioni sui tributi
Spiaggia-Canne-Sisa-dopo-pulizia-notturna-estate-2015
Servizio ritiro rifiuti anno 2015
Spiaggia Canne Sisa – Ore 10.48 del 24-08-2015
Servizio ritiro rifiuti anno 2015
Spiaggia Canne Sisa retro-spiaggia – 02-09-2015

– Riguardo alla manutenzione delle strade, quanto si è visto l’estate appena trascorsa è indecente. In questo caso invece che stendere veli pietosi noi, sono stati loro a stendere quantità impressionanti di terra, o meglio di materiale proveniente dalla frammentazione di rifiuti edili (si trovavano per strada pezzi di marmettoni). Ecco perché abbiamo avuto polvere a non finire. Le conseguenze di questi lavori a “regola d’arte” (un camion che gettava “terra” e una ruspa che la spargeva al centro senza far differenza fra asse stradale e cunetta) si son viste nei giorni scorsi: strade distrutte, canali di scolo ostruiti e case allagate, per un temporale durato due ore. E’ oramai diventata una consuetudine dichiarare lo stato di calamità, cosi arrivano i contributi regionali e non si detraggono risorse al bilancio comunale, ma nonostante ciò la nostra località non ha mai la priorità. Per l’alluvione del 24/25 marzo 2015 sono stati stanziati 53.389,48 € e a Torre delle Stelle ne sono stati spesi solo 6.249,30 € (Delibera n.33 del 28.05.2015 – Lavori alluvione marzo 2015).

lettera aperta e le considerazioni sui tributi
Manutenzione strade estate 2015

– La depolverizzazione delle strade è stata decisa in extremis, ma pochi ne hanno avuto giovamento. Sono state innaffiate solo le strade che il Comune di Maracalagonis ha ritenuto principali e per una sola volta al giorno, eppure si sapeva che a Torre delle Stelle le strade sono sterrate e la depolverizzazione è sempre stata fatta (forse con le pozzanghere, come alcuni dicono, ma decisamente con meno polvere). Ecco le immagini di come questa estate venivano accolti i turisti (nel villaggio di lusso!).

lettera aperta e le considerazioni sui tributi
Agosto 2015 – Strade polverose -Ingresso Torre delle Stelle 1
lettera aperta e le considerazioni sui tributi
Agosto 2015 – Strade polverose -Ingresso Torre delle Stelle 2

Quanto saranno costati al Comune di Maracalagonis questi lavori? Forse, esagerando, 50.000 €, una cifra ridicola a fronte delle tasse che incassa!

Parlando ora del futuro, cosa prevede per Torre delle Stelle il Comune di Maracalagonis?
Abbiamo visto un Piano triennale per i lavori pubblici, nel quale, su un importo totale di quasi 1 milione di euro, per Torre delle Stelle sono destinati 120.000 € (in tre anni) per pavimentare le strade (forse 800 metri di strada). I restanti 870.000 € sono tutti per il paese!
Curioso, inoltre, leggere che quei 120.000 € provengono da incassi su concessioni edilizie. Fa presupporre che parte siano sempre introiti incassati a Torre delle Stelle.

lettera aperta e le considerazioni sui tributi
Importo stanziato dal Comune di Maracalagonis per pavimentazione strade

Saremmo veramente curiosi di poter verificare quanto il Comune di Maracalagonis spende per il nostro villaggio. Ci piacerebbe che il Comune redigesse un bilancio solo per la nostra località.

Per il momento possiamo constatare, dai bilanci comunali, che il Comune di Maracalagonis ha un introito al Titolo 1, la voce che comprende i tributi e quindi anche IMU e TASI, di 3 milioni e mezzo di euro. Oltre 1/3 sono IMU e TASI versate dall’80% delle abitazioni di Torre delle Stelle nel territorio di Maracalagonis (circa 1040 abitazioni).
Che i non residenti a Torre delle Stelle fossero i maggiori contribuenti del Comune di Maracalagonis era noto, mentre è stato rivelatore leggere il BILANCIO  DI  PREVISIONE  PER  L’ESERCIZIO  2015  E BILANCIO  PLURIENNALE  PER  IL  PERIODO  2015-2017 che il Comune ha deliberato il 10.08.2015 e pubblicato nel suo sito, ma di cui ora è rimasta pubblicata solo la delibera. Noi abbiamo salvato il file; sono 278 pagine su bilanci passati, presenti e futuri del Comune di Maracalagonis, nei quali Torre delle Stelle è molto presente nelle entrate, ma quasi del tutto assente nelle spese. Per chi volesse dargli uno sguardo lo inseriamo per intero a fine post, ma ne abbiamo estrapolato una parte, con dei grafici, facilmente consultabile: Relazione bilancio di previsione 2015.

Si evince, nell’analisi delle entrate tributarie, definite non a caso significative, che gli introiti IMU del 2014 ammontano a 1.364.360,16 € per la 2 casa (è quindi la cifra che si presumeva), mentre nel 2015 dovrebbe essere inferiore (1.298.000€). Ci saranno a Torre delle Stelle dei fortunatissimi nuovi residenti che, buon per loro, non dovranno più pagare la “tassa di lusso” per non avere nulla in cambio? Ebbene, potranno far parte della tabella e del grafico sulla pressione tributaria pro capite dei residenti che ci ha provocato un riso amaro, dato che 1.300.000 € sono tributi versati dai non residenti e perciò non rispecchia il vero.

lettera aperta e le considerazioni sui tributi
Analisi-Tributi-Comune-di-Maracalagonis
lettera aperta e le considerazioni sui tributi
Pressione tributaria pro-capite Comune di Maracalagonis (non veritiera perchè i non residenti non vengono conteggiati)

Dal 1993 (primo anno d’imposizione dell’ICI) ad oggi, il Comune di Maracalagonis ha incassato milioni di euro da Torre delle Stelle ed è ancora un villaggio senza una rete fognaria.
Negli anni ci siamo sentiti fare tante promesse, anche dall’attuale Sindaco (leggere promesse del 2005), 
ma l’Amministrazione di Maracalagonis aspetta ancora i finanziamenti per la rete fognaria.

I finanziamenti il Comune di Maracalagonis li ha avuti da noi proprietari negli ultimi vent’anni, con ICI/IMU e oneri per concessioni edilizie che hanno come finalità quella di contribuire alla realizzazione di opere di urbanizzazione primaria (strade, parcheggi, verde pubblico, reti di distribuzione di acqua, gas, elettricità, le fogne, la pubblica illuminazione, ecc.), ma a Torre delle Stelle di opere realizzate con quegli oneri neppure l’ombra.
Tutto ciò che è stato realizzato a Torre delle Stelle è stato fatto con i nostri soldi, con le quote condominiali (strade, rete idrica, campi sportivi, illuminazione pubblica e anche la chiesa). Le uniche opere realizzate dal Comune di Maracalagonis sono le incompiute ed inutilizzate, da quasi 10 anni, nel parco (anfiteatro, spogliatoi e club house), opere per le quali ha avuto i finanziamenti dalla Comunità Europea.

Per anni il Comune di Maracalagonis ha fatto vane promesse di realizzazione della rete fognaria e altre opere (per tenerci buoni); ora afferma di non poterle fare e mette in atto una serie di procedimenti per far sì che vi sia qualcun’altro a dover realizzare le opere, ossia Abbanoa. La verità è che non vi è mai stata la volontà di investire a Torre delle Stelle, ma esclusivamente quella di riuscire a non dover utilizzare i soldi del proprio bilancio Comunale nella nostra località, mentre gli riesce benissimo di utilizzare i soldi che incassa da noi nel proprio centro urbano!

Un esempio di come utilizza i nostri soldi?
Basta leggere il Bando di gara Servizio Igiene Urbana 2016-2022 e si evince che gran parte dell’intero servizio ritiro rifiuti è pagato solo con i nostri soldi.
L’importo annuale per il servizio è 1.142.849,73 € e, come ha scritto il Sig. Gorini, Torre delle Stelle versa 500.000 € di TARI, paghiamo quasi metà dell’importo, come se vivessimo a Torre delle Stelle tutto l’anno. Se poi si da uno sguardo alle voci di spesa inserite, si nota che alcuni servizi a Torre delle Stelle non vengono eseguiti (come raccolta imballaggi, spazzatura strade, caditoie, ecocentro, ecc.) e allora si scopre che, facendo la somma dei servizi svolti nel nostro villaggio, i 500.000 € coprono totalmente tutte quelle voci. Quindi noi paghiamo per noi e pure per Maracalagonis paese; a loro resta da pagare ciò che a noi non spetta avere: lo spazzamento delle strade, le isole ecologiche, i cestini dove buttare la carta di un gelato e un minimo di decoro. Questa la tabella dei conti che abbiamo realizzato:

lettera aperta e le considerazioni sui tributi
Tabella costi servizio ritiro rifiuti – Comune Maracalagonis

Ci si deve accontentare, per la modica cifra di 500.000 €, del ritiro del sacchetto e del degrado nel quale ormai da anni viviamo la nostra stagione estiva, perché dai cassonetti al servizio porta a porta nulla è cambiato, l’inefficienza è rimasta uguale; le foto che abbiamo inserito in tutto il post, e quelle successive, lo testimoniano più delle parole.

Link: BILANCIO DI PREVISIONE PER L’ESERCIZIO 2015 E BILANCIO PLURIENNALE PER IL PERIODO 2015-2017